Fruendo: ADESSO BASTA CON I KARAOKE!

Fruendo

ADESSO BASTA CON I KARAOKE!

L’Azienda ci ha comunicato che a breve sarà convocato un incontro tra l’Amministratore Delegato di Ausilia (società che detiene il 60% della proprietà di Fruendo), le organizzazioni sindacali del credito di Fruendo e le rappresentanze sindacali dei metalmeccanici di B-Service.

Oltre a stigmatizzare queste pericolose commistioni tra diversi contratti di lavoro, non comprendiamo l’utilità di questo incontro, che appare superfluo e ridondante. Infatti appena due settimane fa abbiamo incontrato il Dott. Aiazzi A.D di Fruendo, che ci ha illustrato la situazione riguardo alle manifestazioni di interesse nei confronti della nostra Azienda, garantendoci che in caso di eventuali sviluppi saremmo stati prontamente aggiornati. La vicenda è già chiarissima ed attualmente non necessita di alcun ulteriore approfondimento!

Ciò che deve essere approfondito è altro:

  • Il 10 giugno scorso la FABI ha chiesto all’azienda l’incontro annuale, in cui dovevano essere trattate tra le altre, le questioni inerenti lo sviluppo professionale e gli incentivi: nessuna risposta;
  • La scorsa settimana la FABI ha richiesto un incontro URGENTE su temi che riguardano i neo assunti: condizioni agevolate su operazioni bancarie e condizioni su previdenza complementare: nessuna risposta;

Dobbiamo purtroppo constatare che l’Azienda quando si tratta di convocare incontri di dubbia utilità dimostra una solerzia disarmante, quando invece si tratta di affrontare temi concreti e cogenti che esigono risposte:in tempi rapidi: prende tempo, latita…..

  • Tutti i colleghi attendono di sapere che fine hanno fatto i riconoscimenti per gli sforzi profusi che hanno permesso la chiusura del bilancio 2018 con un notevole utile;
  • I colleghi neo assunti attendono di avere risposte sui delicati temi sopra esposti;

I COLLEGHI VOGLIONO QUESTE RISPOSTE, e la FABI interpretando e rappresentando questi bisogni, comunica sin da ora che non tollererà ulteriori inutili perdite di tempo.

Firenze, 10 ottobre 2019

LA SEGRETERIA